Messaggio
  • Utilizzo dei cookies

    Per offrirti un'esperienza di navigazione sempre migliore questo sito utilizza anche cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più, o se vuoi modificare il tuo consenso clicca il link Utilizzo dei cookies. Cliccando su accetto acconsenti all'utilizzo dei cookie impiegati dal nostro sito

    Utilizzo dei cookies

logoBandieraArancione

Comune di Sardara

Museo_Villa_Abbas_-_Arcieri_Sa_Costa

Comune Bandiera Arancione

Certificazione rilasciata dal T.C.I.


Sardara: tra terme e archeologia

È situata a metà strada tra Cagliari e Oristano, sulla S.S. 131, a 35 minuti dall’aeroporto e 40 dal porto di Cagliari. Al suo interno raccoglie testimonianze di una storia molto antica che parte dal IX sec. a.C. e, percorrendo il Centro storico vengono in evidenza tutti i successivi periodi, dal tardo romanico-gotico al medioevo e fino alle dimore nobiliari dell’800 ed il liberty.Chiesa_S._Antonio_-_Sec._XVII

Appena fuori dal paese, le Terme, già in attività dal II sec. a.C. testimoniano una importante presenza romana nel territorio in quei tempi definito “granaio d’Italia”; Oggi due stabilimenti perfettamente attrezzati svolgono attività di fangoterapia e beauty farm con oltre 45.000 presenze annue.
Da visitare: Museo “Villa Abbas” – sono in mostra i reperti archeologici rinvenuti nel territorio di Sardara.
Tempio a pozzo del IX sec. a.C. e Chiesa di Sant’Anastasia al cui interno si trova un secondo pozzo.Chiesa_B.V._Assunta_-_Retablo_Madonna_dItria

Castello di Monreale – dimora di Eleonora d’Arborea durante le battaglie tra i Giudicati.
Chiesa Parrocchiale “Beata Vergine Assunta” – al suo interno statue lignee del XVII sec. ed un organo a canne datato 1758.Chiesa Parrocchiale “Sant’Antonio di Padova” – sec. XVII – con il suo caratteristico e bellissimo altare di ispirazione spagnola costruito in legno.
Chiesa di San Gregorio Magno – sec. XIII – esempio del Romanico-Gotico con una elaborata finestra a bifora nel transetto dietro l’altare.
Il centro storico con i suoi caratteristici portali ad arco che spesso riportano, nella chiave di volta, sculture relative agli antichi mestieri praticati dai proprietari.
La località termale di Santa Maria Aquas con il Santuario intitolato alla Madonna, Patrona della Diocesi e le strutture degli antichi Bagni romani.

Chiesa_Sant_Anastasa